Innovazione a 360 gradi: Bass Massive Squad

di Luca Bozzoli

Bass Massive Squad è un progetto nato tre anni fa nel bresciano dall’incontro di tre giovani: Micromakiness, Andrew Slater e Noize Skillz.

Con esso nasce un novo modo di concepire la musica, di crearla, di proporla fuori dai canoni commerciali. Musica underground, aperta a sperimentazioni inter-genere, capace di fondere in sé orizzonti musicali differenti e di percorrere nuove vie.

Il risultato è una musica elettrizzante, travolgente, esplosiva.

Micromakiness, su queste colonne, ripercorre la storia di questo movimento, analizza il suo approccio musicale e la sua produzione personale. Un artista completo, dj and producer, ma soprattutto innovativo. Innovativo come il progetto di cui è parte.

Innanzitutto, chi è Micromakiness al di fuori della Bass Massive Squad?

«Raffaele Fracassi, 20 anni, pittore/decoratore.»

Tu sei producer. Quali sono i “maestri” a cui ti ispiri? Che genere prediligi? Da cosa nasce la tua musica?

«Ascolto musica a 360 gradi, cerco di trarre profitto e influenze da grandi artisti come The Prodigy, Audio, Crystal Distortion, Noisia,…i nomi a cui faccio riferimento, oserei dire, sono infiniti.

Passando al genere, ora faccio neurofunk, techstep, dark drum and bass. Tendo a non cimentarmi mai su un genere solo ma ad aprirmi a più prospettive.»

Come definiresti il tuo modo di suonare, rigorosamente live, perché questa scelta?

«Vado molto fiero della scelta che ho fatto alcuni anni fa, ho smesso di mettere dischi da tre anni, il fatto di proporre materiale mio mi riempie di soddisfazione.

La professione del disc jokey sarebbe limitativa, dovrei comprare dischi nel negozietto di città per poi non avere possibilità di divertimento durante le serate. Il live invece comporta l’utilizzo di materiale auto-prodotto e divertimento assicurato.

Non voglio essere limitato a cambiare due vinili, voglio avere la possibilità di gestire il maggior numero possibile di macchinari.»

Ottima scelta direi. Qual è, tra le tue, la produzione a cui sei più affezionato?

«Redox, è l’ultima uscita ed ha avuto un buon effetto su persone che esercitano questa professione ormai da anni, ma sono un ottimo autocritico e penso che presto passerà al secondo posto.»

Nuova produzione in arrivo?

«Più che nuova…nuove!»

Ottimo! Passiamo ora al gruppo: dove, come, quando e perché nasce il progetto Bass Massive Squad?

«Il progetto Bass Massive Squad non è altro che l’insieme di persone che sperimentano e vivono musica a 360 gradi, in modo reale.

Un progetto che ambisce a diventare un vero e proprio movimento di massa, anche se esiste da soli tre anni, ha riscontrato ottimi ed inaspettati risultati tra noi e tra la folla.

Sul perché sia nato, non esiste una spiegazione, era praticamente impossibile che non nascesse qualcosa dall’incontro tra me, Andrew Slater e Noize Skillz.»

Qual è la vostra sfida? Che tipo di club volete promuovere?

«Ci siamo imposti fin da subito di proporre un nuovo tipo di eventi: di abbattere gli stereotipi imposti sia dal clubbing che dai rave

Una scelta coraggiosa, controcorrente…

«Sì esatto un carattere aggressivo e sottolineo controcorrente, rispettando comunque chi ha fatto altre scelte.»

Avete creato un movimento in grado di distinguersi e di emergere, quali sono le vostre prossime tappe?

«Sabato 15 saremo al Paci Paciana a Bergamo, ospiti del Delta 9 con guest Veanganze e Dub Element. Sabato 29 saremo al Florida with Mosquito Crew.»

Micromakiness

 

More Info on : Micromakiness myspace and Bass Massive Squad myspace .

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...