P-54

P54-nondormo2

Quando abbiamo saputo che avrebbe partecipato a Free Italian Creativity non potevamo crederci: P-54 lo conoscevamo soprattutto per i suoi lavori sparsi un po’ qua e là sui muri di Parma, per noi rappresentava quasi un’entità immateriale, aveva solo un nome e la sua arte. Quando arrivò la sua clip per il documentario fu un’euforia totale e a otto mesi di distanza, con questa intervista, ancora non smettiamo di stupirci. 

Ti senti più pittore, disegnatore o writer?

Sono tre elementi che convivono in me allo stesso tempo. Non posso definirmi in uno solo di questi termini.

La tua pagina ufficiale è sormontata dalla scritta “The main thing is to never stop and to challenge every day the hourglass”, è un mantra che utilizzi spesso anche nella vita di tutti i giorni?

Assolutamente sì! Chi mi conosce sa che sono sempre di fretta, sempre in sbatti. Raramente mi trovo con dei buchi di tempo e quando succede sono un po’ spiazzato.

Si dice che lo stile di un artista sia influenzato per lo più dagli occhiali che indossa per osservare il mondo: i tuoi lavori riflettono il tuo modo di vedere la realtà o sono puro frutto dell’immaginazione?

In ogni mio lavoro si ritrova me stesso: le ansie, i ricordi, uno stato mentale del momento. Disegnare è solo un modo di mostrare e raccontare chi sono. Spesso mi piace anche nascondere dei messaggi che non necessariamente dovranno essere individuati e interpretati, è più una cosa solo per me.

Parlando delle tue opere la gente cita spesso surrealismo e iperrealismo, ma quali sono i tuoi riferimenti artistici?

Ho un occhio puntato su entrambi i mondi. I grandi maestri del passato mi influenzano e continuano a meravigliarmi per la capacità iperrealistica dalla carne, delle luci e delle atmosfere, come ad esempio Caravaggio, ma sono comunque molto attratto dall’irreale, citando i più conosciuti Dalì e Magritte, mi hanno insegnato ad “andare oltre”. Su tela, carta o muro si possono creare cose che non esistono su questo mondo, sei tu che le porti in vita!

P54-nuclear

P54-06-bax

Tu e alcuni altri street artist parmigiani (parliamo in dettaglio della cricca Centina-Signora K-Kalinda-ecc.) avete in comune la tendenza a enfatizzare grottescamente i vostri soggetti: è un marchio di riconoscimento o avete semplicemente gusti affini?

Ahaha beh, con Centina giocavo a basket in cortile quando eravamo piccoli, lo conosco da una vita! James è uno dei miei migliori amici, ci siamo conosciuti al liceo e ne abbiamo passate tante assieme, crescendo paralleli artisticamente e quindi il percorso è stato abbastanza simile. Poco tempo fa espose qui a Parma un artista spagnolo, Guim Tiò, che vedendo le nostre cose commentò: «Siete molto oscuri qui a Parma». Direi che ci ha preso!

Hai partecipato all’ Octopus Lab Project, ci puoi raccontare di cosa si tratta?

Octopus Lab Project è un collettivo fondato dal buon Grozni che ha tirato dentro me e Kalinda. Non s’è mai capito chi effettivamente ne faccia parte, ma noi tre con questo nome siamo stati i più produttivi: abbiamo fatto serigrafie su t-shirt, mostre e installazioni, costruito mostri di paglia. Ogni tanto ci si riunisce sotto questo nome insomma.

Progetti futuri?

Sto dipingendo e disegnando molto. A maggio sono l’artista ospite del Vanita’s Market a Cremona, poi devo preparare una mostra a cui tengo molto a settembre e sopratutto proprio in questi giorni sto per fare uscire una serie di t-shirt stampate con serigrafia artigianale, che usciranno sotto il nome di BAD FATE (cattivo destino) e spero vadano bene!

72866_465194996874088_893505549_n

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

2 thoughts on “P-54

  1. keaberton ha detto:

    L’ha ribloggato su KEA.

  2. […] Nicola Bergamaschi, in arte Cas: il suo stile mi piace, è molto bravo. Poi ci sono James Kalinda, P-54, Alessia Leporati e Marco […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...